Il Finambolo


 

Gianfranco Fini ha sempre avuto la fama del buon politico.
Osservando il suo percorso, io mi sono sempre chiesto il perché di ciò.
E non sono mai riuscito a darmi una risposta.
Dopo la famosa svolta di Fiuggi, necessaria per coalizzarsi con Berlusconi, non ha fatto altro che condividere e sottoscrivere e contribuire attivamente al declino che adesso denuncia.
Lo sappiamo tutti che era lui il responsabile della sicurezza a Genova, ha firmato lui insieme a quell’altro minchione la ormai leggendaria Bossi-Fini, è stato lui a mettere sullo stesso piano le droghe e a inasprire le pene oltre l’inverosimile, è stato lui a non aprire mai bocca quando il suo Presidente faceva approvare tutte le famigerate leggi vergogna.
E tralasciamo il lungo passato nero.
Ora, però, a sinistra molti si sono messi a dire che Fini ha avuto coraggio, che è sempre stato di diversa caratura rispetto ai suoi colleghi eccetera eccetera.
Coraggio sto cazzo, aggiungo io.
E’, a mio modesto modo di vedere, una semplice e squallida questione di opportunità politica.
Berlusconi è stato travolto dal suo ego e lui non ha fatto altro che tirarsi fuori un attimo prima per salvarsi il culo e voltare per l’ennesima volta le spalle al suo passato, senza ammettere di aver sbagliato.
L’ennesima volta.
Un giornalista del Giornale.it l’ha chiamato Finambolo e il termine mi è piaciuto molto, anche se le motivazioni sono parecchio diverse.
A me non frega niente del suo tradimento, come lo chiamano loro, anzi sono contento che questo passo abbia accelerato l’altrimenti lentissima agonia del Governo.
La mia preoccupazione, adesso, è un’altra. Si rischia di dimenticare il passato di quest’uomo e accettare tutto quello che dice senza filtro.
Berlusconi diceva cose simili 16 anni fa.
Fini le dice oggi e noi dovremmo far finta di nulla su tutte le sue gravi responsabilità recenti e meno recenti.
Per quanto io possa pensare che non potrà mai esser peggio di quello, non mi fido per niente di Gianfranco Fini.
Non posso fidarmi di lui perché è la sua stessa storia politica che me lo insegna.

P.S.: a proposito: i principi elencati da Fini e Bersani a Vieni via con me sono, di solito, principi comuni e condivisi dalle persone oneste. Non sono esclusivi di una parte politica. E’ stato, a mio avviso, un momento molto triste della trasmissione.

Socialismo Virtuale

In questo post franko

Per le denunce:

frankezze
(485 Frankezze)

Frankezze è un collettivo. Nasce da un goal su rimessa laterale e trova sfogo nelle quotidiane amarezze e frustrazioni tubo-catodiche nazionali. E’ arrivato il momento di ridare la caparra al vostro cervello in subaffitto, è ufficialmente partita la colonizzazione culturale. Contattaci / In Facebook / In Twitter


Ricevi le Frankezze via mail

Frankezze a tema

  • Daniele

    Concordo pienamente con il collega Frank ameba.

  • http://lucabru.wordpress.com/ Luca

    Partendo dalla premessa che mi piace molto il tuo blog e pertanto ti faccio i complimenti (avendo io molto da imparare), vorrei solo fare una domanda che a me, come si dice, sorge spontanea:

    Ma tu ti fidi di Bersani?
    e di D’Alema?

    Per il resto concordo pienamente con quanto hai scritto a proposito della trasmissione, che mi piace poco anche per quanto riguarda i 2 conduttori

    • Frank Ameba

      Ciao e grazie per i complimenti..Il blog non è solo mio, siamo un collettivo di sei persone e ognuna gestisce il suo spazio. Le vignette, invece, vengono pubblicate dopo un confronto.

      Ora rispondo alla tua domanda: D’Alema non mi piace, è viscido, non mi fido assolutamente di lui. Di conseguenza non dovrei fidarmi neanche di Bersani, infatti è così. Nonostante ciò, io lo considero migliore di D’Alema.
      Capisco dove vuoi arrivare con la domanda. Io ho scritto su Fini perché la sua figura mi incuriosisce da anni e adesso tutti gli vanno dietro perché ha fatto quello che doveva fare dall’inizio. Capisco anche che si può sbagliare ma 16 anni sono troppi. Ha agito troppo tardi per potermi convincere di averlo fatto in seguito ad una sincera presa di coscienza.
      Al momento ripongo le mie flebili speranze, ma senza troppe aspettative, in Nichi Vendola.

      • Daniele

        L’unico che ci può davvero salvare in questo momento di profonda disperazione è Matteo Renzi. La vera alternativa al vecchio al marcio e allo sputtanato.

      • http://aspettosospetto.wordpress.com/ L’poro Gioacchino

        Nichi Vendola forse è l’uomo giusto.. quello che può collegarsi al centro tra la Federazione della Sinistra e il Partito Democratico, l’unico in grado di creare un dialogo tra le parti e riunire, perchè no, la sinistra!

  • Frank Ameba

    Sono d’accordo con te!